Pub Crawl a Londra

Due itinerari a Londra sulle tracce delle Real Ale

Mappa generale


A) Clerkenwell

[Guarda tutte le foto dell'itinerario]

Mappa Clerkenwell Pub Crawl


Cittie of York

La zona di Clerkenwell si trova in posizione centrale (a NE di Oxford St), anche se al di la' degli itinerari turisticamente piu' battuti. E' una zona principalmente di uffici, anche se presenta alcuni angoli tranquilli e graziosi che in certi punti la fanno sembrare un villaggio a se.
I pub descritti possono essere visitati in un unico "crawl", ma in realta' noi li abbiamo provati in due occasioni distinte - cosa che naturalmente e' possibile fare. L'itinerario e l'ordine di visita e' puramente indicativo. La zona e' stranamente non molto ben servita dalla metropolitana (le stazioni qui sono molto distanziate). La stazione piu' centrale fra i vari pub e' Farringdon, ma per cominciare dal primo pub descritto la fermata e' Chancery Lane; in alternativa ci sono diverse linee di bus.

Il primo pub e' di relativo interesse birrario, ma veramente notevole dal punto di vista turistico/architettonico. L'interno del Cittie of York [vedi Mappa: 1] infatti e' rimasto inalterato nel suo aspetto antico e molto particolare: soffitto alto con travi di legno, grossi tini di legno (non piu' in uso) sopra il bar, cellette che ospitano alcuni tavoli. Il pub e' di proprieta' Samuel Smith, quindi l'offerta di real ale e' limitata all'onesta e economica Bitter della birreria.

Ye Olde Mitre

Proseguiamo verso est per cercare il prossimo pub, Ye Olde Mitre [vedi Mappa: 2]. Probabilmente e' uno dei pub piu' nascosti di Londra! Possiamo arrivarci da Ely Place, un viale/piazza senza uscita che ospita la bella chiesa di S. Etheldreda (da visitare).
Quasi invisibile, prima della chiesa, un piccolo varco sembra l'entrata di una casa o di un cortile, ma in realta' immette in un vicolo che conduce al pub. Arrivando invece da Hatton Garden (la via dei gioiellieri), un varco altrettanto nascosto (ma segnalato da una piccola insegna su un palo) fa accedere allo stesso vicolo. Anche Ye Olde Mitre e' molto antico, in questo caso la cosa si nota anche dall'esterno; all'interno l'atmosfera e' piacevole e gli spazi sono divisi in alcune salette. Il posto e' anche abbastanza rinomato come birre, con una scelta limitata ma qualche "guest" interessante e una buona capacita' nel mantenere la qualita' (ricordiamo che la stessa ale puo' essere ottima o pessima a seconda della cura con cui viene "gestita" al pub). Purtroppo la guest ale era esaurita e abbiamo potuto bere Deuchars IPA e Adnams Broadside, relativamente comuni ma peraltro molto buone e fra le mie preferite.

Jerusalem Tavern

Proseguendo verso NE e oltrepassando la stazione di Farringdon (altro possibile punto di partenza), giungiamo alla Jerusalem Tavern [vedi Mappa: 3], uno dei pub piu' apprezzati di Londra. L'interno e' molto accogliente, tutto in legno - nonostante l'apparenza, non e' pero' affatto antico, risale agli anno 90!. Altro punto di forza e' che e' un pub della S. Peter's e l'unico a Londra che quindi presenta le loro birre - per di piu' in una ampia selezione. S. Peters produce una gamma molto ampia di birre, alcune con aromatizzazione curiose (e forse non sempre del tutto riuscite) e altre classiche, in genere di ottimo livello. Al pub in teoria dovrebbero esserci 6 ale a rotazione delle 16 della gamma, e tutte quante in bottiglia. In realta' a causa dell'alto smercio di birra non e' sempre cosi', quando siamo arrivati erano rimaste solo 3 real ale piu' qualcuna in bottiglia. Sia la Organic Bitter che la Suffolk Gold erano comunque ottime - come la mild assaggiata in un'altra occasione (tutte in versione cask)
Anche se il cibo a quanto ho letto non e' male, e' un'utopia pensare di fermarsi a cena: il pub era molto affollato (con un 50% di clienti a bere per strada...) e i pochissimi tavoli molto ambiti e molto occupati :-(

Sekforde Arms

Ci sono comunque alternative per abbinare cena e real ale. A poca distanza troviamo ad esempio il Sekforde Arms [vedi Mappa: 4]. Nulla piu' (e nulla di meno) di un pub tipico, buono e "verace": vivace e affollato ma non all'inverosimile, atmosfera simpatica, cibo semplice e tradizionale - niente di eccezionale ma mangiabile - a prezzi piu' che abbordabili. La birra e' Youngs, molto comune a Londra quindi, ma in ottima forma: ho rivalutato la semplice ma non banale ordinary Bitter, e ho apprezzato anche la Ram Rod, non facile da trovare in versione cask. Aggiornamento: viste le nuove e interessanti aperture, dalla Jerusalem Tavern possiamo invece dirigerci a ovest e cenare da Gunmaker's, vedi la sezione sugli altri pub consigliati a Londra

Old China Hand

Per cenare pero' scelta ancora migliore e l' Old China Hand [vedi Mappa: 5], ancora piu' a nord all'incrocio tra la cortissima Tysoe St (difficilmente riportata nelle carte) e Rosebery Ave. Il posto ha una sua storia, infatti negli anni 90 questo era il famoso brewpub O'Hanlon's. Questo nome e' ora noto agli appassionati come birreria che produce la nuova versione della Thomas Hardy, ma gia allora era noto per alcune ottime birre come la premiata Port Stout. OH ha poi spostato la produzione nel Devon e ceduto il pub stesso. Dopo un periodo poco interessante, il luogo si e' rivitalizzato come pub-ristorante cinese di alta qualita'. Non e' comunque solo ristorante (buona parte dei clienti si limita a bere) e quindi mantiene l'atmosfera di pub con il plus della possibilita' di gustare un Dim Sum (scelta di piattini di assaggi) davvero eccellente - lo chef proviene da un ristorante cinese "stellato". Il lato birra e' anche buono: solo due o tre real ale ma poco comuni, interessanti e in ottima "forma". Quando ci siamo stati noi avevano due ale scozzesi (Arran Dark e Aulde Sleekit) davvero di buon livello. In genere - un po' per mantenere la "tradizione" - tengono anche una birra di O'Hanlons, ma al momento era finita. Il servizio e' attento e amichevole, e si puo' prenotare il tavolo anche via email.
Aggiornamento: purtroppo lo chef cinese e' andato in pensione, ora il pub si chiama Old Gringo e propone cucina messicana! Nessun problema: se abbiamo giÓ cenato, ad esempio da Gunmaker's, dirigiamoci verso il poco distante Craft Beer. Co per prolungare (e magari finire) la serata, vedi la sezione sugli altri pub consigliati a Londra

Doric Arch

Terminiamo (o iniziamo!) con un pub un po' fuori zona ma comodo da raggiungere e da non mancare. Il Doric Arch [vedi Mappa: 6] si trova proprio all'interno della Stazione di Euston. Fino al 2006 si chiamava Head of Steam ed era una "free house" che presentava una buona selezione di ale diversificate e non comuni. E' stato poi acquistato da Fuller's che lo ha "ripulito" senza alterarlo troppo, ha aggiunto le sue buone ale ma senza eliminare l'ampia selezione di birre ospiti. La location non e' molto pittoresca ma l'interno e' abbastanza piacevole e accogliente con alcuni "reperti" in tema ferroviario.
La selezione di real ale e' davvero ampia anche se non troppo brillante sul lato "scuro". Abbiamo optato per due golden ale che si sono rivelate eccellenti! Quando la qualita' intrinseca di una real ale si abbina al suo stato di forma ottimale - grazie a un pub che le sa "gestire" e servire" - l'esperienza birraria e' davvero unica. Si trattava della premiata e ottima Darkstar Hophead, e della Harvest Pale (prodotta da Castle Rock): quest'ultima molto chiara nonostante il nome, molto simile alla precedente e di livello almeno comparabile. Aromi speziati e citrici ma non aggressivi, luppolatura e amaro generosi ma piacevoli e bilanciati anche da un buon malto: una ricchezza di aromi e sapori "zippati" in due birre sui 3.6-3.8 gradi alcolici! L'essenza dell'arte birraia inglese al suo meglio.
Aggiornamento: purtroppo la selezione di birre del Doric Arch e' decisamente diminuita; e' consigliabile se si e' in zona visitare invece il vicino Bree Louise, vedi la sezione sugli altri pub consigliati a Londra


B) Southwark - Borough

[Guarda tutte le foto dell'itinerario]

Mappa Southwark-Borough Pub Crawl


Borough Market

Il lato sud del Tamigi sta sempre piu' diventando di moda (turisticamente e non solo), e la zona a sud di London Bridge, in particolare, sta diventando di interesse per gastro-birro-enofili per la presenza del Borough Market, di Vinopolis e anche di alcuni pub interessanti.
Il giro puo' cominciare dal Borough Market (fermata metro: London Bridge). E' il mercato gastronomico di Londra, molto interessante e ricco di banchi di prodotti inglesi e non solo - dal bacon DOC al... parmigiano stagionato. C'e' anche la possibilita' di mangiare qualcosa mettendosi in coda ad alcuni degli stand piu' adatti. Ma a noi nel Market interessa soprattutto un negozio: Utobeer [vedi Mappa: 1].
Dopo la chiusura del Pitfield Beer Shop e' il piu' fornito negozio di birre a Londra. La scelta e' ampia soprattuto sulle belghe, con una selezione ottima per gli standard inglesi ma tutto sommato non eccezionale rispetto ai beershop italiani. Piu' interessante per noi la selezione inglese: gamma completa St Peter's, diverse birre rifermentate di microbirrerie, Thomas Hardy versione O'Hanlons.

Utobeer
The Rake

I proprietari di Utobeer hanno di recente aperto anche un pub nelle immediate vicinanze: The Rake [vedi Mappa: 2]. E' abbastanza di moda fra i birrofili per avere occasionalmente la T.Hardy in versione cask; secondo me vale la deviazione ma non lo considero imperdibile. Piccolo, essenziale, moderno con un piccolo dehors. Un po' di scelta di bottiglie e due spine di real ale, a rotazione e in genere con ale non comuni. In occasione della nostra visita non aveva la Hardy ma comunque una porter molto buona (Puddledock, di Westerham) accanto a una ale piu' comune. Il pub si trova oltre l'estremo orientale del Market, si puo' visitare come prima tappa (o ultima) prima di entrare nel Market, oppure partendo proprio da Utobeer e chiedendo indicazione a loro stessi.

Market Porter

Uscendo a sud dal Market ci si trova subito davanti a uno dei migliori pub in assoluto: il Market Porter [vedi Mappa: 3]. Al piano inferiore (in genere molto affollato) il bar presenta una selezione molto ampia di handpump: in genere una decina almeno di real ale, con una buona percentuale di scure (mild, porter, stout). Solo una o due fisse e "classiche", le altre a rotazione dedicate a birrerie regionali o microbirrerie, da quelle note e "premiate" ad altre meno conosciute.
Nel corso di due visite ne abbiamo provate diverse - non provo ad elencarle, ma erano tutte in buon stato di forma. Al piano superiore c'e' il ristorante. Abbiamo mangiato piuttosto bene: il menu' presenta un buon assortimento di piatti interessanti e curati a prezzi abbordabili. Al piano c'e' solo una ale, ma si puo' scendere sotto e servirsi di quello che si vuole. Putroppo e' spesso pieno anche a pranzo vista l'adiacenza con il Market: in una occasione siamo riusciti a trovare un tavolo ma in un'altra abbiamo dovuto ripiegare sugli stand del mercato.

Pranzo al Market Porter
George Inn

Incamminandoci verso sud lungo High St, incontriamo sulla sinistra il George Inn [vedi Mappa: 4]. E' soprattutto interessante dal punto di vista storico-architettonico, per questo e' presente anche su guide turistiche. E' ricostruito dopo un incendio nel 1676, ma di origine ben piu' antiche, ed e' di struttura allungata, "a galleria" tipica delle antiche locande dove si cambiavano i cavalli - unico esempio del genere a Londra. Pare anche che Shakespeare abbia rappresentato dei suoi lavori proprio in questo luogo.
Come birra pero' niente di eccezionale, anche se si puo' provare la George Ale prodotta da Greene King per il locale (gradevole ma un po' blanda).

Royal Oak

Proseguendo ancora verso sud, ormai all'altezza della stazione di Borough svoltiamo in Tabard St per arrivare a un'altro dei pub migliori: il Royal Oak [vedi Mappa: 5]. E' uno dei pochi a Londra di proprieta' della rinomata birreria Harvey's. La scelta birraria e' quindi limitata ai suoi prodotti, ma e' comunque relativamente ampia (le 4 fisse piu' la stagionale di turno) e di ottima qualita'. Ho trovato la mild buona ma un po' "dimessa", la normale Pale Ale eccellente (forse ancor di piu' della piu' premiata Best Bitter, comunque buona), grande esempio di birra leggera ma gustosa e aromatica; ottime anche la luppolata e dorata Armada Ale e la stagionale XXX Old Ale (ricca e piena a soli 4.3% alc). Pur non essendo particolarmente antico il locale e' abbastanza bello, con i suoi due spazi separati dal bar centrale. Noi avevamo prenotato per cenare, e visto l'affollamento la landlord ci ha dirottato (col nostro consenso) al piano superiore: una ampia, elegante e austera sala vittoriana con un enorme tavolo, dove in quattro ci siamo sistemati in un angolo. Ottima soluzione per noi, visto che ci faceva piacere parlare con tranquillita' con i nostri amici.
Il cibo e' uno dei punti forza di questo locale: alla carta si affianca un'ampia selezione di "special" sulla lavagna; tutti i nostri piatti erano molto buoni e con il giusto compromesso fra il semplice "grub fare" tradizionale dei pub e le proposte piu' elaborate. I prezzi sono fra i piu' convenienti visti a Londra. Insomma, fra locale, birra e cibo, un posto davvero imperdibile!

Abbandonato a malincuore il Royal Oak, la fermata piu' vicina della metropolitana e' Borough... a meno che non si voglia prolungare il giro alla ricerca di altri pub!



Copyright 2007 Massimo Faraggi
Il presente documento puo' essere riprodotto e copiato a patto che: 1. Sia riprodotto o copiato integralmente 2. Sia sempre citato l'autore 3. Non sia riprodotto in qualsiasi modo per scopi commerciali senza aver preventivamente contattato l'autore. Ove possibile, prevedete un link a questa pagina o ancora meglio alla home page piuttosto che copiarla nella vostra. Grazie!


[HOME]   [Torna ai Viaggi della Birra]